FACCIOLLA: SALUTE E CITTADINANZA, SIAMO TUTTI UGUALI



 Come avevamo ampiamente previsto la drammatica sequenza di contagi covid a Campobasso si trasforma nel terreno di scontro tra forze politiche, che di Politico hanno ben poco e di soluzioni concrete ancora meno.

Assistiamo da giorni al misero teatrino di attacchi fatti da Consiglieri (di Maggioranza), onorevoli (automi che scimmiottano leader nazionali), leader nazionali (che arrancano discorsi su realtà che non conoscono) e infine lui, il presidente Toma che ancora una volta non perde occasione di tacere.

Dopo aver provato a dire che va tutto bene, poi ha cambiato versione e ha iniziato ad attaccare il sindaco di Campobasso in cerca di qualcuno su cui scaricare le responsabilità, oggi veste di nuovo i panni del supereroe e promette di salvarci lui.

Come? Andando a parlare con ‘i capi rom’.

Per quanto sia fantastico immaginare il presidente nei panni del Generale Custer che incontra il capo dei sioux Toro Seduto prima della battaglia del Little Big Horn, ci preme informare il presidente che siamo nel 2020 e che la politica ‘parla’ a tutti i cittadini nello stesso, identico modo.

La comunità rom a campobasso non vive in campi isolati, come purtroppo accade in altre città, ma è integrata e molti gestiscono anche attività commerciali, lavorano negli uffici e, in tempi no covid, frequentano le scuole di ogni genere e grado.

Sono da anni cittadini a tutti gli effetti.

La Politica, quella vera, riconosce a tutti i cittadini gli stessi diritti e gli stessi doveri ed è per questo che dialoga con tutti nello stesso modo.

Quindi, caro presidente, scenda da cavallo, metta via il cappello da Generale Custer e si occupi delle sue responsabilità, provi ad arginare i contagi covid mettendo in campo azioni concrete, ad esempio facendo fare tamponi a tappeto, separando gli ospedali covid da quelli no covid, sperando i percorsi nel caso di ospedali che trattano entrambe le tipologie di pazienti.

Lo ripetiamo ormai da mesi, come un mantra e non ci stancheremo di ripeterglielo ancora.

Svesta i panni del supereroe e si rimbocchi le maniche.

Forse possiamo ancora evitare il peggio.

Vittorino Facciolla

PD Tweet

Twitter response: "Sorry, that page does not exist."

Partito Democratico