SAN TIMOTEO, QUANDO LA TOPPA E’ PEGGIORE DEL BUCO



Non sappiamo se il piano della distribuzione dei medici anestesisti sia chiaro a chi non ha esitato a lodare con toni trionfali la modifica dell’ordine di servizio con il quale la Asrem, di fatto, toglie un solo medico al San Timoteo per assegnarlo al Cardarelli.
Sono proprio i sanitari Dirigenti di Anestesia e Rianimazione, che ormai da tempo denunciano la carenza cronica di personale, a spiegare che anche con questa soluzione (che lascerebbe sei medici a Termoli) non si riescono a garantire né la doppia guardia né gli interventi d’urgenza, oltre al fatto che gli interventi ordinari ed in regime di elezione non vengono più praticati da tempo.
La situazione del San Timoteo va affrontata seriamente e non a colpi di spot elettorali, inaugurazioni fasulle e toppe per cercare di tappare le falle.
Noi siamo e resteremo sempre al fianco di chi da oltre un anno sta combattendo una battaglia straordinaria ma al limite del possibile: i nostri medici, gli infermieri, tutto il personale sanitario.
Durante il prossimo Consiglio regionale presenterò un Ordine del Giorno nel quale chiederò che venga ripristinato il numero minimo e in ogni caso informerò il Commissario Degrassi di questa situazione.
Non ci interessa attribuirci meriti e lodi ma continuare ad essere la voce di chi non viene ascoltato e pungolo per chi deve trovare soluzioni.

TOLTI DUE ANESTESISTI AL SAN TIMOTEO, SITUAZIONE GRAVISSIMA



La situazione all'ospedale San Timoteo di Termoli è gravissima.
Florenzano e Scafarto hanno firmato un ordine di Servizio che, di fatto, sposta due medici anestesisti da Termoli a Campobasso lasciandone al San Timoteo solo 6 (mentre al Cardarelli di Campobasso ce ne sono 7 e al Veneziale di Isernia addirittura 10).
Questo fa sì che nel nosocomio adriatico non saranno più garantite le funzioni di doppia guardia, problema serissimo dato che il San Timoteo ha anche il punto nascita quindi, se una partoriente avrà bisogno di un cesareo d'urgenza potrebbero non esserci anestesisti a disposizione per l'intervento.
Tutto questo all'indomani dell'inaugurazione in pompa magna del modulo aggiuntivo di terapia intensiva da parte di Toma e Florenzano.
Sorrisi e promesse ieri mentre già sapevano che oggi avrebbero dato il colpo di grazia al San Timoteo prendendo in giro i termolesi e tutti i bassomolisani.
Considerando che un altro medico anestesista ha chiesto le dimissioni e andrà via a giugno, se non sarà rimpiazzato velocemente, allora sarà palese l'intento di Toma e Florenzano di smantellare il San Timoteo, di demolirlo pezzo dopo pezzo come già sta accadendo.
Chiediamo al nuovo Direttore Sanitario Serafini e ai medici anestesisti di proteggere il nostro ospedale, di farsi sentire con i vertici Asrem, di non accettare l'ennesimo scempio e l'ennesimo schiaffo dato alla dignità dei Basso Molisani che hanno diritto alla Salute esattamente così come tutti gli altri.
Noi ci siamo e ci saremo sempre dalla dalla parte dei nostri medici e del nostro ospedale e se il provvedimento non dovesse essere revocato, denunceremo la vicenda in ogni sede



Prende il via, nei Circoli della Federazione del Basso Molise, la Consultazione lanciata dal neo segretario Enrico Letta durante l’Assemblea nazionale del Partito Democratico.
Un momento di incontro e confronto all'interno dei circoli per elaborare una sintesi tra i punti del documento nazionale e le proposte di militanti e iscritti che animano la politica
dal basso.
Di seguito il calendario con i vari appuntamenti:
Lunedì 22 marzo ore 18,30 - Circolo di Termoli
Martedì 23 marzo ore 18 - Circolo di Guglionesi
Mercoledì 24 marzo ore 18,30 - Circoli di Santa Croce di Magliano, Montecilfone,
Acquaviva Collecroce, Colletorto, Palata, Tavenna, Rotello, Montefalcone nel Sannio e
Roccavivara
Giovedì 25 marzo ore 16,30 - Circolo di Portocannone
Giovedì 25 marzo ore 17,30 - Circolo di Ururi
Giovedì 25 marzo ore 19,00 - Circolo di Montenero di Bisaccia
Venerdì 26 marzo ore 18,30 - Circolo di Larino
Sabato 27 marzo ore 18,00 - Circolo di San Martino in Pensilis
Domenica 28 marzo ore 18.00 - Circolo di Campomarino
Sarà un'occasione per far emergere idee, proposte e iniziative sul rilancio e sulle priorità
del Partito Democratico, a partire dai territori, dalle periferie e dagli iscritti.

TOMA, IO NON C'ENTRO NULLA E PER QUESTO INAUGURO IL NULLA



Come mai il presidente Toma oggi è andato a Termoli e, a favore di telecamere ha fatto una sfilata con tanto di codazzo di medici e giornalisti degno del miglior Alberto Sordi ne 'Il dottor Tersilli'?
Ci chiediamo lui cosa ci facesse lì dato che fino ad oggi non ha fatto altro che gridare ai sette venti che lui non aveva potere, che aveva le mani legate, che la Sanità molisana è commissariata e pertanto è disastrata, che se invece avesse potuto fare lui qualcosa avrebbe mietuto successi a non finire.
Lui che quando avrebbe potuto scegliere di individuare nel 'Vietri' un unico ospedale covid non lo ha fatto.
Lui che è stato un maestro nello scaricare colpe e responsabilità a tutti pur di non attribuire a sé neanche l'ombra di una decisione.
In sostanza lui che si è vantato di aver fatto arrivare un ospedale da campo che non è servito a nulla (se non per fare vaccini che avrebbero potuto essere fatti al Palairino già predisposto a tale scopo) oggi è sceso fino a Termoli per inaugurare il nulla.

GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DEL COVID



Serve davvero una giornata nazionale per le vittime del Covid?
A noi molisani forse no, perché lo strazio quotidiano nel perdere amici, parenti e persone care rinnova il dolore ogni giorno da un anno a questa parte.
Oggi è il giorno del ricordo e il mio pensiero e il mio abbraccio più grande vanno a tutte le persone che hanno perso i loro cari e a quanti stanno ancora lottando contro questo maledetto virus.
Non perdiamo la speranza e la fiducia, non facciamo mancare il nostro supporto a chi, in questo momento, ne ha veramente bisogno.

PD Tweet

Twitter response: "Sorry, that page does not exist."

Partito Democratico